Sensibilità al Glutine

Pubblicato il : 23/02/2018 18:25:12
Categorie : Alimentazione , Carboidrati , Intolleranze , Pasta proteica , Primi piatti

Sensibilità al Glutine

La celiachia è un‘intolleranza alimentare molto diffusa che causa, a chi ne è affetto, vari sintomi come: mal di testa, gonfiore e dolore addominale, diarrea ecc. La causa è l'assunzione non tollerata di alimenti contenenti glutine. Se non tenuta sotto controllo può portare a gravi conseguenze e importanti danni alla salute. La celiachia è una delle intolleranze alimentari più frequenti e in costante crescita. I dati italiani indicano che i celiaci diagnosticati sono circa 180 mila, di cui 130 mila femmine e 50 mila maschi.

Il glutine

Il glutine è un composto formato da due proteine, gliadina e glutenina, contenuto in alcuni cereali come frumento, farro, orzo, segale, avena e kamut. La parte dei cereali che provoca la nota reazione nei celiaci è la gliadina.

Cereali contenenti il glutine

Più pecisamente, il glutine è contenuto nei seguenti alimenti:

  •  Frumento

  •  Segale

  •  Farro

  •  Spelta

  •  Orzo

  •  Triticale e Kamut

  •  Greunkern (grano greco)

  •  Seitan (alimento ricavato dal glutine)

  •  Malto e Avena (molto spesso contaminata anche se idonea all’alimentazione celiaca)

Alimenti gluten free

Tanti alimenti, come quelli sottoindicati, sono privi di glutine, quindi utilizzabili dai celiaci. E' comunque sempre necessario porre la massima attenzione, perché alcuni cibi, anche se naturalmente senza glutine, possono venire contaminati durante la loro produzione o lavorazione alimentare.

Cereali, Farine e Tuberi

Riso, mais, miglio, grano saraceno, patate, manioca, amaranto, sorgo, quinoa

Attenzione ai prodotti lavorati come: zuppe di cereali misti, tapioca, polenta pronta, risotti pronti, patatine snack, purè istantaneo.

Frutta, Verdura e Legumi

Tutti i tipi di frutta (fresca, secca, essiccata, sciroppata).

Tutti i tipi di verdura (fresca, congelata, surgelata, etc) anche conservata (sott’olio, sott’aceto, sotto sale, ecc.)

Tutti i legumi: fagioli, piselli, lenticchie, ceci, lupini, fave, soia

Attenzione a: salsa di soia, minestroni con cereali, frutta infarinata

Latte e derivati

Latte, yogurt, formaggi, panna

Attenzione a: panna condita, formaggi spalmabili, yogurt al malto o alla frutta, budini, latte condensato

Carne, Pesce e Uova

Tutti i tipi di carne e pesce fresco, congelato, surgelato, al naturale, sott’olio, sotto sale, ecc.

Attenzione a: salumi (prosciutto, bresaola, speck, mortadella, salsicce, wurstel, etc), piatti pronti, carni confezionate

Grassi da condimento

Grassi di origine animale: burro, lardo strutto e grassi di origine vegetale: oli vegetali (da preferire l’olio extravergine di oliva)

Attenzione a: burro e margarina light, maionese, olii di cereali vari

Zuccheri, Dolciumi e Bevande

Tutti gli zuccheri (saccarosio, destrosio, fruttosio, etc), miele, succhi di frutta non addizionati, bevande gassate (tipo CocaCola), caffè, vino, rhum, grappa, tequila, cognac, whisky scozzese

Attenzione a: creme spalmabili, cacao, cioccolato in tavolette, caramelle, zucchero a velo, preparati per dolci o bevande, sciroppi per bibite, birra, vodka, whisky non scozzese.

A cura di Vitamaker

Condividi